Materiale Leggero

LDn 24 333
ldn24-1

ldn24-2

ldn24-3

ldn24-4

I rimorchi bagagliaio del gruppo LDn.24 sono stati costruiti in 35 unità fra il 1958 e il 1960. Il 333 oggetto del restauro è di costruzione OM, 1960. Pensati per il trasporto del collettame e della posta – in quegli anni ancora molto efficiente e frequente – con la loro massa contenuta (solo 8 tonnellate) potevano essere accoppiati a qualsiasi serie di automotrice. Molto diffusi al nord est e in centro Italia, hanno fatto compagnia alle ALn.556, 772 e 668. A Treviso e Vicenza erano accoppiati anche ai treni di ALe.660.

Con il loro utilizzo fu possibile sostituire anche gli ultimi treni a trazione a vapore sulle linee secondarie, il cui motivo di esistenza era la trazione delle apposite carrozze postal, troppo pesanti per essere trainate dalle varie automotrici. Il servizio degli LDn è cessato in massa a fine anni ’80. L’ultimo in esercizio era usato fra Lavezzola e Faenza, al traino di ALn.668.1900. Sopravvivono ad oggi solo tre unità della serie 301-335: il 333 di Cremona e altri due assegnati ad Udine.

Il 333 è stato recuperato all’uso già nel 1994, come mezzo per trasportare le biciclette ai turisti che usufruivano della linea turistica FBS Palazzolo-Sarnico. Essendo pensato per l’abbinamento alle 668.1500 di solito usate, fu colorato nei tipici colori delle 668. I due mezzi udinesi invece hanno svolto per brevissimo tempo la stessa funzione con i treni domenicali lungo la linea Casarsa-Pinzano-Gemona. Ma sono stati quasi subito accantonati e lo sono tutt’ora.

Dopo essere stato accantonato al Deposito di Cremona, è stato recuperato e revisionato negli organi meccanici e di movimento entro il Giugno 2007. ll 12 Luglio è giunto al Deposito di Milano Smistamento e qui è stato parcheggiato nel fascio campagna. Alla fine dello stesso mese alcuni volontari hanno iniziato i lavori sulla carrozzeria, segnata da numerosi buchi e tracce di ruggine. L’opera di stuccatura e rifinitura è terminata nel Dicembre 2007 e da Gennaio è disponibile per viaggiare accoppiato alle automotrici del parco storico.